PREAVVISO: ATTENZIONE ALLE SVISTE!

2020-06-02T17:32:09+00:0014 Aprile, 2020|Contratti, Vendite|

Regola numero uno quando si intende porre fine ad un rapporto di agenzia è NON sognarsi di scrivere la lettera di disdetta senza aver guardato prima nel contratto l’articolo che ne detta le regole.

Può costare molto cara questa “svista”!!

Il preavviso da rispettare è differente a seconda che si sia scelto di applicare il Codice Civile oppure l’Accordo Economico Collettivo e ancora, che si tratti di un monomandato oppure di un plurimandato ed, infine, che l’iniziativa della disdetta provenga dall’agente oppure dal preponente.

Un periodo di preavviso sbagliato da’ diritto all’altra parte, nei cinque anni successivi, di chiedere le somme di denaro che gli sarebbero invece spettate per legge o per contratto.

Una curiosità: nel 2019 è di 175.000 euro la somma che abbiamo rilevato e recuperato per “sviste” compiute nei termini di preavviso.

Vademecum antisvista:

SE SI APPLICA L’ARTICOLO 1750

Il periodo di preavviso dipende dalla durata del rapporto, può arrivare sino a sei mesi.

SE SI APPLICA L’ACCORDO ECONOMICO COLLETTIVO

Qualora la disdetta provenga dall’Agente monomandatario il periodo sarà di 5 mesi, dal plurimandatario invece di 3.

Qualora la disdetta provenga dalla preponente vengono dettati tre scaglioni di termini diversi in base alla durata del rapporto ed al fatto che l’agente sia mono o plurimandatario.

In ogni caso le parti nel contratto possono cambiare sia i termini stabiliti nel Codice che nell’Accordo Economico, nel rispetto di determinati paletti. Quelli che non conosce quasi nessuno.

 

Dott.ssa Barbara Zanussi